Lilly… Buona la seconda!

pubblicato in: News, Storie a lieto fine | 0

Lilly ha vissuto i primi 8 mesi della sua vita su un balcone.
Quando i volontari di Pompei sono riusciti a liberarla non ci abbiamo pensato due volte e l’abbiamo fatta salire a Bergamo.
Dopo un breve periodo di stallo, Lilly aveva trovato una famiglia che avevamo considerato adatta per lei.
In poco tempo però ci siamo accorti che quella situazione non era idonea per Lilly, così, dopo un controllo post affido ci siamo ripresi la piccola, con la promessa di non fallire più e di trovarle questa volta una famiglia che desiderasse veramente dare importanza alle sue esigenze di cane.
Ornella, una nostra volontaria sulla quale possiamo sempre contare quando si tratta di ospitare cani sfortunati, ha aperto le porte di casa sua a Lilly per ospitarla mentre noi le cercavamo una casa.
Lilly si è inserita perfettamente nel contesto casalingo, ha trovato in Jack, il malamute di casa, un perfetto compagno di giochi e in poche settimane ha potuto fare esperienze che mai nella sua vita aveva fatto prima!
Corse a perdifiato in mezzo alla natura, bagni nel torrente… Lilly, che è un derivato cane da caccia, aveva trovato finalmente la sua dimensione!
La decisione di adottarla definitivamente è stata così una scelta naturale e spontanea.
Ornella e Luigi hanno deciso di allargare la famiglia e Lilly, ora Lea, oggi ne fa parte a tutti gli effetti!

 

Queste sono le parole di Ornella, che non ringrazieremo mai abbastanza per aver accolto Lea nella sua famiglia:
“Vi ringrazio a nome di tutta la nostra famiglia (cani e gatti compresi).
Non era scontato che Lilly rimanesse insieme a noi, sapevamo fosse un cane appetibile ai più.
La nostra scelta è stata molto, forse troppo ponderata, non si è trattato né di un colpo di fulmine né di testa, tutt’altro. Tra le tante considerazioni c’è stata quella, forse la più importante, relativa alla sua peculiare socievolezza che ci permetterà di fare branco anche con altri cani che, come lei, il destino farà passare da casa nostra come ospiti.
Questa dote, non scontata in tutti i cani, ci permetterà di aiutare altri cani che trovano difficoltà ad affrontare anche le più piccole difficoltà come gli approcci e le scoperte (compresi pericoli ed equilibrismi) rafforzandone il carattere per sentirsi meglio soprattutto con sé stessi.
Grazie Chiara! Grazie Ilaria! Siete forti.”

Lascia una risposta

sette + 4 =